Oggi moltissime abitazioni godono di una bella piscina idromassaggio in casa come anche in giardino, ma è solo negli ultimi 50 anni che c’è stata un’esplosione di crescita nelle minipiscine idromassaggio da giardino, una volta un lusso disponibile solo per quelli con nomi come Vanderbilt e Getty.

Pakistan 2500 aC
Ma quando sono nate le piscine? La grande vasca Scoperta nel 1926 in Pakistan è accreditata come la prima piscina artificiale, costruita in pietra e mattoni e ricoperta di catrame . Doveva venire utilizzata per la balneazione spirituale degli antichi della Valle dell’Indo, che vivevano nel sud del moderno Pakistan.

Grecia 700 aC
La Grecia antica è ben noto per l’amore dei bagni pubblici, e come ha dichiarato Platone, “Un uomo non si conosce fino a quando non è in grado di leggere, scrivere e nuotare”. E Ippocrate consigliava un bagno e oli da massaggio profumati quotidiani. Fare il bagno è popolare, ma nuotare o giocare a giochi in piscina?

Roma 100 dC
E i bagni pubblici sono stati anche un modo di vivere nell’impero romano, e sono stati costruiti nel tipico grande stile romano antico. Le Terme di Caracalla a Roma, sono state alimentate con una fornitura costante di acqua dolce dalle colline a più di 50 miglia di distanza, tramite un sistema di acquedotti. E, la prima piscina riscaldata è stata installata da Gaio Licinio Mecenate durante il primo secolo DC. Tuttavia, non erano ancora usate  troppo per nuotare, anche se  i nuotatori statali erano addestrati nelle piscine romane.

Gli anni bui 400 – 1800 dC
Erano tempi bui per i costruttori di piscine, e molti sono stati costretti a uscire da tale  mercato dopo la caduta dell’impero romano.

Inghilterra 1830
L’era moderna per le piscine è stata inaugurata dalla Gran Bretagna, che ha fatto grandi passi avanti nel trattamento delle acque e la loro gestione . La popolarità nel nuoto come sport è cresciuta di conseguenza, e nel 1869, la Amateur Swimming Association è stata costituita per promuovere l’abilità, lo sport e l’esercizio di nuoto.

Olimpiadi 1896
I giochi olimpici moderni hanno cominciato nel 1896 con il nuoto agonistico come un evento olimpico, che ha indubbiamente ha avuto un effetto duraturo sulla popolarità di questo sport. Nel 1896 ai giochi di Atene, in Grecia, 20.000 spettatori hanno visto 4 gare di nuoto,   in mare in acqua aperta, perché i fondi non potevano essere sollevati per costruire una piscina adatta.

Texas 1915
La profonda piscina Eddy è la più antica piscina in Texas, che era iniziata come un popolare buco di nuoto nel fiume Colorado, è diventato un resort nel 1920, ed è oggi una popolare piscina gestita dal Comune di Austin.   Eddy non è la prima piscina negli Stati Uniti.

California 1920
William Randolph Hearst ha costruito la spettacolare piscina di Nettuno, e l’ha riempita con 350.000 litri d’acqua dalle montagne di Santa Lucia. Costruita per grandi proporzioni, è una delle prime piscine che ha utilizzato Gunite per la costruzione. Circondata da statue greche e romane, padiglioni e colonnati,  presenta la facciata di un antico tempio romano.

Hollywood 1940
La piscina è stata descritta in molti film di Hollywood . I successi di Hollywood presto avrebbero caratterizzato le piscine e minipiscine idromassaggio come i giochii dei ricchi e famosi, e più tardi  un film di Esther Williams e Johnny Weissmuller  pubblicizza come   ‘cool’ uno stile di vita all’aperto (e con nuoto sincronizzato).

Hotel 1960
Un tempo poi si dava qualche credito per alberghi e motel americani che iniziavano con l’installazione di minipiscine idromassaggio per attirare i clienti nel corso del 1950. Con il tempo  quasi tutti gli alberghi dovevano avere una piscina, se volevano competere con i viaggiatori familiari e aziendali. Oggi non è cambiato molto, una bella piscina idromassaggio è ancora una scelta popolare in una località turistica per gli ospiti.

Le case di oggi
Negli Stati Uniti  la piscina idromassaggio si è evoluta da  vasca da bagno della comunità, ad  fonte di divertimento  e esercizio fisico. Dal 1949, le aziende produttrici di minipiscine idromassaggio hanno messo una piscina alla portata di milioni di persone. i metodi e le tecnologie delle costruzioni hanno reso le piscine accessibili e quasi esenti da manutenzione, con divertimento assicurato per tutta la famiglia!

Acquistare delle piscine fuori terra comprende una serie di vantaggi tra cui quello di non dover pensare alle vacanze visto che un’area esterna del proprio giardino è attrezzata al divertimento.
Al contrario delle piscine interrate, quelle fuori terra non richiedono permessi presso gli uffici tecnici comunali e questo è decisamente un beneficio importante viste le lungaggini italiani.
Le autorizzazioni si ottengono sicuramente ma devono passare mesi e mesi e poi si corre il rischio che qualche inquilino dello stabile in cui si alloggia, trovi difficoltà se nel giardino anche se di proprietà, viene collocata una piscina.
Chi non desidera incombere in tutte queste problematiche che talvolta generano inutili diatribe, può acquistare tranquillamente questa tipologia di piscina che non richiede particolari precetti da seguire.
Un altro importante vantaggio delle piscine fuori terra è quello che potrebbero risultare utili solo per testare l’approccio di tutti i membri familiari con l’acqua per poi magari acquistare un manufatto di altro tipo e più solido.
Come ultima cosa c’è il fatto che se si è solo affittuari di un appartamento non sarebbe conveniente effettuare delle spese per una piscina interrata che poi rimarrebbe in loco una volta terminato il contratto di fitto.

Piscine rigide o autoportanti

Le piscine fuori terra sono di due tipologie ossia autoportanti e rigide.
Le prime sono di facile montaggio e non richiedono assolutamente manodopera perché arrivano a casa propria in un comodo kit di montaggio con tutte le spiegazioni e uno schema per l’installazione e anche chi non è bravissimo con le metodiche del fai da te, può montare la piscina in poche ore e usarla appena dopo averla riempita.
Un pò più di difficoltà comportano le piscine fuori terra del tipo rigido che comunque vengono assemblate autonomamente ma occorre preparare un massetto di cemento per permettere una stabilità maggiore del manufatto.
La struttura esterna è solitamente in legno di cedro e l’effetto estetico è davvero straordinario.
Quest’ultimo tipo di piscina è decisamente migliore ed è utile non solo per la famiglia ma anche se si vogliono organizzare piacevoli drink serali in giardino con gli amici.

Quale piscina acquistare

La scelta dell’acquisto delle piscine fuori terra autoportanti o rigide è personale e dipende dal budget.
Quelle autoportanti sono sicuramente le più economiche e sono anche le più richieste ma purtroppo sono delicate specialmente se la superficie su cui vengono posate non è ben livellata e durante i movimenti il telo in pvc potrebbe lacerarsi.
Quelle rigide invece, si possono paragonare a quelle interrate ma hanno bisogno di maggior manutenzione anche perché rimarranno all’aperto anche nella stagione invernale e si sporcano al loro interno anche se in dotazione viene dato un telo per coprirle.
Pe scegliere le piscine fuori terra bisogna basarsi sullo spazio che si ha a disposizione ma ce ne sono alcune con forma irregolare e asimmetrica che si adattano anche a metrature ridotte.